Il palindromo di famiglia: SIRIS Trentodoc

Pubblicato in:

Racconti di Vino

 

Il Siris Trentodoc –  è il primo e unico spumante che Gaierhof ha iniziato a commercializzare nel 2015. Ma da dove trae origine il nome SIRIS? E chi lo ha suggerito?

10547710_765816673473117_1199856189147682198_n 3

L’individuazione di un nome nuovo è sintomo di una volontà precisa di distinguere e indicare quel qualcosa come un unicum, e investirlo di valori e significati precisi.

Non è un caso che le tre figlie di Luigi Togn si chiamino rispettivamente Romina, Valentina e Martina. I tre nomi sono perfettamente in rima con l’elemento che più accumuna le sorelle e unisce le figlie al padre, la famiglia all’azienda: “cantina”. Romina, Valentina e Martina, come piace a raccontare a Luigi, sono infatti nate in cantina e cresciute con la cantina stessa.

Un bevitore attento alle denominazioni e amante dei giochi di parola avrà pertanto già notato il palindromo che il nome Siris Trentodoc crea: che lo si legga da destra verso sinistra, o viceversa, sempre Siris rimane. Ma Siris è anche sinonimo di famiglia e di eredità che si tramandano nelle generazioni: Silvia, Riccardo, Sofia, i tre nipoti di Luigi, figli di Valentina e Goffredo. È stato proprio Goffredo a spingere per la scelta del nome Siris, mentre Valentina ha suggerito la forma dell’etichetta: leggermente tondeggiante per richiamare la morbidezza del vino ed accostarlo a un altro nostro prodotto, il Moscato Giallo Gaierhof.

13268180_1032376926817089_3324036843198171057_o

Il  Siris Trentodoc nasce come un vino elegante e vellutato per accompagnare i momenti di festa e di convivialità con famigliari e amici. Lo stesso nome riflette la forte caratterizzazione famigliare dell’azienda, testimone del passaggio generazionale, dal nonno alle nipoti ma capace appunto di guardare anche oltre.  Nelle bollicine del Siris Trentodoc passato, presente e futuro pertanto ben si integrano in un perlage armonico ed equilibrato, riflesso della nostra realtà aziendale che non teme lo scorrere del tempo né i cambiamenti in corso.

E ricordate che nel mondo del vino i nomi non vengono attribuiti a caso: ognuno custodisce gelosamente il proprio “perché”, insieme al segreto del suo successo.

Torna a tutti gli articoli

Archivio articoli

Categorie articoli