Menu

Teroldego riserva

Il Teroldego Rotaliano

Il Teroldego è la varietà autoctona più conosciuta del Trentino, considerata “il Principe” tra i vitigni a bacca rossa.
La Denominazione Teroldego Rotaliano DOC viene assegnata solamente ai vini provenienti da uve coltivate nella zona a nord di Trento, delimitata dai paesi di Mezzocorona, Mezzolombardo e San Michele all’Adige.

Solo in questa zona il fiume Adige e il fiume Noce hanno creato nel corso degli anni il terroir perfetto per quest’uva, prevalentemente ghiaioso e sabbioso.

Lo stile Gaierhof

Gaierhof non possiede vigneti di proprietà: a partire dalla fondazione dell’Azienda nel 1976, la famiglia Togn ha intrecciato negli anni un rapporto di fiducia e stima con famiglie di viticoltori del territorio, che coltivano scrupolosamente le loro uve e le conferiscono durante la vendemmia a Gaierhof.

Anni di vicinanza alle famiglie dei vignaioli, hanno consentito alla famiglia Togn di individuare le due zone nelle quali il vitigno Teroldego da i migliori risultati: il vigneto Morei nel comune di Mezzolombardo e il vigneto San Marco nel comune di Mezzocorona.

Le conoscenze ottenute negli anni, unite alle innate potenzialità di questo vitigno autoctono, hanno condotto alla realizzazione di un sogno, quello di produrre una Riserva che raccoglie in sé l’anima del vitigno e la firma dello stile Gaierhof.

La Riserva Gaierhof

Prodotta in un limitato numero di bottiglie e solo nelle migliori annate, questa Riserva nasce da un attenta selezione delle migliori zone di produzione: in entrambi gli appezzamenti le viti hanno età compresa tra i 25 e i 40 anni e sono allevate a pergola trentina.

Circa un mese prima della vendemmia avviene la prima selezione dei grappoli, tagliandone le punte così da potenziare la completa maturazione degli acini.
La vendemmia avviene a fine settembre, in piena maturazione dell’acino ed è rigorosamente manuale con un ulteriore selezione dei grappoli. La resa è di circa 80 quintali per ettaro e permette di raggiungere un’ottima concentrazione, fondamentale per il corpo e la struttura del futuro vino.

La fermentazione di questo importante rosso avviene in tank di acciaio a temperatura controllata con macerazione sulle bucce di due settimane. Dopo la svinatura segue una seconda breve sosta in acciaio e un successivo affinamento in barrique e tonneaux, nei quali la riserva compie la fermentazione malolattica. L’affinamento in legno dura due anni e si conclude con un travaso in botti d’acciaio, filtrazione e imbottigliamento ed un ulteriore affinamento di un anno in bottiglia.

Aspetti tecnici

Colore rosso rubino granato, bouquet complesso dallo spiccato accento di frutti rossi, confettura di lampone e mora selvatica. Sono riconoscibili i sentori di spezie dolci dovute al lungo affinamento in legno.

Al palato regala un’equilibrata tannicità che dona corpo, struttura, eleganza e persistenza al vino.

Il Teroldego è un vino vitale, complesso e intrigante, sposa bene carni rosse, bolliti e formaggi stagionati. Da provare con due piatti tipici della provincia di Trento: la “carne salada” e il risotto al Teroldego.

Accedi

Registrati

Leggi la nostra privacy policy.

Chiudi